Incontro formazione Catania 11 nov 2017

Vieni, vieni Spirito d’Amore ad insegnar le cose di Dio”… su queste note inizia il secondo incontro di Formazione per la Fraternità Catanese.
Il tema da approfondire, riprendendo le domande di Fratel Carlo per il primo incontro di formazione, vertono sulla fedeltà alla Chiesa e sul cammino di ognuno di noi all’interno di essa.

Fabio apre l’incontro leggendo “Le Fonti Francescane, n° 1047-1050″ che raccontano dell’opera tangibile di Francesco che, riparata la seconda Chiesa, fissa la sua dimora in Santa Maria degli Angeli, luogo che amerà in modo totale ed assoluto fino alla fine. Francesco riparerá materialmente tre chiese ed inoltre rinnoverà spiritualmente la Chiesa in tre modi:
– Forma di Vita
– Regola
– Dottrina di Cristo.
Conclusa la breve riflessione sulle concordanze francescane, si è passati ai riferimenti al nostro vivere quotidiano.

Quanto sono fedele alla Chiesa?
È di certo la domanda che scava in modo profondo il nostro essere cristiani.
Pur essendo in pochi, le risposte sono tutte diverse e vanno da chi si sente fedelissimo a chi infedele, passando per chi vive momenti di disagio all’interno della Chiesa; ma tutti siamo animati dallo stesso profondo sentimento di amore verso la Chiesa.

La Chiesa è come la mamma ed il rapporto con lei è come quello di un adolescente che di lei si fida anche se a volte non ne comprende decisioni e regole, non ne accetta le scelte, non capisce i suoi no, ma nonostante ci litighi o ci si accanisca contro, ricade poi nell’ala materna dell’obbedienza e non può fare a meno di amarla.
La Chiesa è la mamma di cui non puoi fare a meno, ne hai bisogno, è il punto di riferimento della tua vita, è quel luogo e quelle persone in cui troverai affinità, perdono, comprensione, conforto, amore.

Ed anche se, talvolta, le persone di Chiesa costituiscono per noi degli ostacoli e facciamo enorme fatica ad accettare le decisioni dei superiori che ci turbano e disturbano, forse è proprio lì il momento di abbattare il primo ostacolo del mio cammino: me stesso!
Quell’ io con una fede che ogni tanto vacilla, con quelle debolezze che prendono il sopravvento, con le paure che non vogliamo abbandonare. Siamo noi che dimentichiamo che il nostro”SI” deve essere assoluto, che quel sì di adesione totale al progetto di Dio, deve farci tornare indietro sui nostri passi per abbracciare quel fratello che riconosce di aver sbagliato e cerca solo comprensione.

È proprio da questo venirsi incontro che nasce la gioia del servizio. Un servizio agli ammalati ed ai bisognosi che attendono una parola di conforto ed un sorriso;servizio ai bambini che, curiosi di capire “chi sarà mai questo Gesù di cui tutti parlano e che tutti pregano e cosa avrà mai di tanto speciale”, ne rimangono poi affascinati e desiderosi di conoscerlo sempre di più; servizio in quelle strade dove non c’è più dignità, per portare misericordia e rinnovamento spirituale.

È la Chiesa, siamo la Chiesa, nessuno può prescindere dall’altro, dai fratelli con cui si condivide il cammino perché chiamati ad essere ciò che siamo per natura: Amore ed Amore vicendevole.

Mentre scrivo le ultime righe di questa breve cronaca, nella mia mente risuona “FRANCESCO VÀ, RIPARA LA TUA CHIESA”e mi permetto una riflessione personale. Nel riparare noi stessi per poi, successivamente, compiere quell’opera tangibile e visibile agli altri di riparare la nostra Chiesa, ritengo avere un vantaggio non indifferente. Se Francesco, istruito da Dio, partì da solo a riparare la Chiesa; noi, chiamati da Dio, abbiamo la grande forza di non essere soli perché il Padre ci ha fatto dono della Fraternità. Non sono più sola ma ho i miei fratelli che aiutano a riparare me stessa per poi farsi forza a vicenda ed incastonare pietre che, seppur diverse, spigolose, piccole e grandi, tutte insieme costituiscono la nostra Chiesa e la rendono perfetta nella sua diversità.

Grazie fratelli, per me siete speranza!

Elvira Brancé

860 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *