Commento al Vangelo, Giovedí XXI del T.O.

Mt 24,42-51
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà.
Questo considerate: se il padrone di casa sapesse in quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa.
Perciò anche voi state pronti, perché nell’ora che non immaginate, il Figlio dell’uomo verrà. »
Qual è dunque il servo fidato e prudente che il padrone ha preposto ai suoi domestici con l’incarico di dar loro il cibo al tempo dovuto?
Beato quel servo che il padrone al suo ritorno troverà ad agire così!
In verità vi dico: gli affiderà l’amministrazione di tutti i suoi beni.
Ma se questo servo malvagio dicesse in cuor suo: Il mio padrone tarda a venire,
e cominciasse a percuotere i suoi compagni e a bere e a mangiare con gli ubriaconi,
arriverà il padrone quando il servo non se l’aspetta e nell’ora che non sa,
lo punirà con rigore e gli infliggerà la sorte che gli ipocriti si meritano: e là sarà pianto e stridore di denti.”

Il Vangelo di oggi ci invita ad essere vigili, vegliare, non dormire. Perché? Perché il Signore verrà. Suona come una minaccia? Valuta tu stesso…
Per la sposa il ritorno dello sposo è sempre una festa. Per un cuore innamorato di Dio il ritorno dell’Amato è il desiderio più grande e trepida per questo incontro. Il Signore è il Buon Pastore che porta gli agnellini sul petto e conduce pian piano le pecore madri (Is 40,11); il Signore è paziente e misericordioso, lento all’ira e grande nell’amore (Sal 145,8); il Signore non è venuto a spezzare una canna già incrinata né a spegnere il lucignolo fumante (Mt 12,20)…. A questo punto come si può paragonare l’arrivo del Figlio dell’uomo nell’ora che non immaginiamo all’arrivo di un ladro nella notte? Dio che conosce i nostri cuori aspetta il momento di coglierci in fragrante per saziare il suo desiderio di vendetta? Beh, qualcuno forse lo vede proprio così. Il Vangelo parla anche di un servo malvagio che in cuor suo concepisce il male e come gia ci insegna Gesù in Mt 6,22, un cuore tenebroso supone anche un occhio malato che vede nell’altro il male che ha in sé. Vede il ritorno del Padrone come la fine della sua azione nefasta. Stessa cosa gridarono i due indemoniati a Gesù nel paese dei Gadarèni: “«Che vuoi da noi, Figlio di Dio? Sei venuto qui a tormentarci prima del tempo?» (Mt 8,29).
Allora, che conclusioni trai da questa tua valutazione? Sei di coloro che attendono con amore, desiderio e allegria il Suo ritorno? O sei infastidito da una possibile intrusione inaspettata di Qualcuno che possa intralciare i tuoi piani e progetti? O forse rimani solo indiferente per qualcosa che né ti attira né ti spaventa perche pensi che non ti va a coinvolgere personalmente? Ma questa terza possibilità in realtà non esiste perche Gesù stesso ha insegnato: “Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde” (Mt 12,30).
Gesù quindi ci invita a vegliare….così come invitò gli Apostoli nell’orto del Getsemani a vegliare e pregare per non cadere in tentazione perché il vero ladro che arriva all’improvviso nella notte quando siamo più deboli e indifesi è il diavolo che “come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare” (1Pt 5,8). Gesù ci invita a fare questa considerazione e poi, chi ha capacità di intendere…che intenda: se il padrone conoscesse la ora in cui arriva il ladro, il nemico per colpire, rimarrebbe sveglio, pronto e armato per difendersi. Col dire all’inizio di questo Vangelo: “Vegliate dunque…” ci sta dicendo anche che questa è la ora del combattimento, la ora che il diavolo vuole colpirci per farci perdere la grazia, ogni bene, la vita, così da trovarci morti il Figlio dell’uomo al suo ritorno.

804 Visite totali, 19 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *