faceBook
Caricamento in corso.... attendere prego ...
10-06-2016
Rosolini 15 anni dopo...Incontro con i due gruppi adolescenti seguiti per anni e oggi formati da uomini e donne adulti. Che gioia!

di fratel Carlo

10-06-2016
Piazza Armerina...fratelli sempre in cammino

di fratel Carlo

09-06-2016
Ritiro di Fraternità all'Eremo san Damiano


28-06-2014
Buona Estate!

di Fratel Carlo

03-03-2013
IL CONCILIO VATICANO II (1962-1965)di Alberto Torresani

di Alberto Torresani

18-02-2013
Riaperta la tomba dei compagni di san Francesco

di San Francesco Patrono di Italia

16-02-2013
Dos nuevos diaconos en la diocesis de Albacete

di La Tribuna de Albacete

01-10-2012
Festeggiare i 50 anni del Concilio, con Carlo Maria Martini nel cuore

di Giacomo Costa

25-09-2012
I FRATELLI DI SAN FRANCESCO DI ASSISI ONLUS:

di fratel Carlo

24-03-2012
LA PRIMAVERA ISLAMICA

di Alberto Torresani

16-03-2012
Dimissioni del papa. La teoria e la pratica

di Sandro Magister

08-02-2012
Cardenal Levada en el simposio sobre abusos a menores: Oir a las víctimas, reconocer el sufrimiento

di Zenit

07-02-2012
Alla Gregoriana si apre il Simposio sugli abusi contro i minori. Intervista con don Di Noto

di Mater

07-02-2012
Jesús nuestro contemporáneo Es el título del evento internacional que tendrá lugar en Roma en los próximos días. Ideado por el cardenal Ruini.

di de Sandro Magister

03-11-2011
Africa. Quella religione che immola i bambini

di Sandro Magister

02-11-2011
África. Esa religión que inmola a los niños

di por Sandro Magister

18-10-2011
Motu proprio con cui si indice l'Anno della Fede

di Vaticano

18-10-2011
BENEDETTO XVI A BERLINO

di Alberto Torresani

18-10-2011
AMBROGIO E AGOSTINO A MILANO

di Alberto Torresani

18-10-2011
Carta Apostólica "Porta fidei" con la que el Papa convoca el "Año de la fe"

di Vaticano

24-09-2011
Benedicto XVI se conmueve al recibir a víctimas de abusos de sacerdotes En el seminario de Erfurt

di news

05-04-2011
“Abbiamo ritrovato la vita!”

di meter

14-02-2011
Nuove chiese. Il Vaticano boccia i vescovi italiani

di Sandro Magister

14-02-2011
Nuevas iglesias. El Vaticano desaprueba a los obispos italianos

di Sandro Magister

12-02-2011
Martirio e speranza nella Chiesa di Cristo

di Alberto Torresani

12-02-2011
ICONOCLASTIA

di Alberto Torresani

12-02-2011
LA RIUNIFICAZIONE ITALIANA E IL PROBLEMA ISTITUZIONALE

di Alberto Torresani

26-01-2011
Benedetto XVI: "Siate persone autentiche" anche nelle reti sociali. Messaggio per la XLV Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.

di Benedetto XVI

26-01-2011
Benedicto XVI: Ser personas autenticas tambien en la red

di Benedicto XVI

14-01-2011
GIOVANNI PAOLO II BEATO IL 1 DI MAGGIO. Pubblichiamo il Decreto di beatificazione

di Città del Vaticano

02-08-2015
Che bella sorpresa ;-)
di PaoloDanei

18-01-2015
A proposito della pratica islamica
di pgmma

25-03-2013
Primo parere sul Concilio
di pgmma

17-12-2011
Il Lusitania
di Belpa

26-09-2011
signore
di antoniodelnome



(292) Dimissioni del papa. La teoria e la pratica
Pubblicato il 16-03-2012 di Sandro Magister
Condividi
«« indice »»

Benedetto XVI non le esclude. Ma un conto è ammetterne la possibilità, un altro ritirarsi per davvero. I pro e i contro di una scelta mai sperimentata nell'epoca moderna

 

 



CITTÀ DEL VATICANO, 16 marzo 2012 – Hanno suscitato un certo scalpore due recenti articoli apparsi in Italia nei quali si prefigura l’ipotesi che Benedetto XVI si dimetta, anche al fine di influenzare la scelta del proprio successore.

Gli autori di questi articoli sono Giuliano Ferrara sul quotidiano "Il Foglio" di cui è direttore, il 10 marzo:

e Antonio Socci sul quotidiano "Libero", l'11 marzo:

Ferrara non è credente, Socci è cattolico militante. Entrambi sono noti per una sincera ammirazione nei confronti di papa Joseph Ratzinger.

Al di là comunque delle buone intenzioni dei due, l’ipotesi da loro adombrata non risulta avere fondamento.

Intanto perché chi ha avuto modo di incontrare Benedetto XVI, anche dopo l’uscita dei due articoli, non ha avuto affatto l’impressione di avere di fronte un papa che stia meditando di dimettersi. Tutt’altro. Sia per quella sua capacità di cogliere i nessi necessaria per ogni atto di governo, sia per l’orizzonte non temporalmente ristretto con cui, sempre "a Dio piacendo", egli procede nella guida della Chiesa universale.

E poi perché nulla è più alieno dalla storia e dalla personalità di Ratzinger che il solo pensiero di manovrare, anche se con nobili intenti, per la propria successione. Un’ipotesi, questa, canonicamente “eversiva”. L’unico modo legittimo per un pontefice di influenzare la scelta del futuro papa sta nella creazione dei cardinali. E scorrendo i nomi di quelli scelti da Benedetto XVI dal 2006 a oggi non risulta che vi sia un chiaro disegno di ipotecare il futuro conclave, che nella "mens" di Ratzinger, come in quella di ogni buon credente, deve essere affidato innanzitutto allo Spirito Santo.

Ciò detto, rimane il fatto che nel libro-intervista "Luce del mondo", uscito nel novembre 2010, Benedetto XVI afferma (ribadendo un pensiero da lui già espresso prima d'essere eletto al soglio di Pietro): ''Se un papa si rende conto con chiarezza che non è più capace, fisicamente, psicologicamente e spiritualmente, di assolvere ai doveri del suo ufficio, allora ha il diritto e, in alcune circostanze, anche l'obbligo, di dimettersi".

È lo stesso codice di diritto canonico a prevedere questo caso al canone 332 comma 2: "Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti".

Più complicato è il caso in cui il papa sia colpito da una malattia invalidante che gli impedisca di comunicare in qualsiasi modo o lo renda incapace di intendere e di volere. Non ci sono norme pubbliche (ma potrebbero esserci dei protocolli riservati) che regolino questo caso e quindi stabiliscano, tra l'altro, quale sia l’autorità che abbia la facoltà di dichiarare impedito il papa.

A questo “vuoto legislativo” sembra si sia pensato di poter sopperire con una sorta di lettera di dimissioni “in bianco” firmata anticipatamente dal papa, da ufficializzare nel caso di una grave malattia invalidante. Documenti in questo senso sono stati pubblicati nel 2010 nel libro “Perché è santo. Il vero Giovanni Paolo II raccontato dal postulatore della causa di beatificazione”, scritto da monsignor Slawomir Oder con Saverio Gaeta per l'editore Rizzoli:

> Quando Wojtyla voleva dimettersi

Ma anche le dimissioni di un papa previste dal diritto canonico sono semplici solo in teoria. Non in pratica.

Giovanni Paolo II una volta disse che nella Chiesa "non c’è posto per un papa emerito". E il cardinale Franz Koenig dichiarò all’agenzia stampa tedesca DPA nel novembre 1996: "Il papa sa, e l'ha detto, che l'elezione di un nuovo pontefice mentre il vecchio è ancora in vita rappresenterebbe un problema. Un papa in pensione, un altro in Vaticano: la gente si domanderebbe chi dei due conta".

In effetti, basterebbe solo immaginare cosa accadrebbe se il “papa” emerito continuasse a vergare articoli e concedere interviste come un cardinal Carlo Maria Martini, oppure a scrivere libri e memorie come un cardinal Giacomo Biffi.

Ecco perché anche un papa come Paolo VI, che aveva abbracciato sul serio l’ipotesi di dimettersi, alla fine non lo fece. Nel settembre 1997 il cardinale Paolo Dezza, che di papa Montini fu confessore, ricordò a proposito delle dimissioni: "Egli avrebbe rinunciato, ma mi diceva: 'Sarebbe un trauma per la Chiesa', e quindi non ebbe il coraggio di farlo".

Con Giovanni Paolo II si cominciò a parlare di sue dimissioni dopo l’attentato del 1981. Poi una seconda forte ondata di voci arrivò nel 1995 in occasione del compimento dei 75 anni. In entrambe queste occasioni le reazioni ufficiali degli organi di comunicazione vaticana furono di smentita, spesso ironica.

Fu a partire dal 2000 che l’ipotesi di sue dimissioni fu rilanciata non più da testate giornalistiche ma da ecclesiastici di primo piano.

Nel gennaio di quell'anno fu il vescovo Karl Lehmann, creato cardinale l’anno dopo, a dire: "Credo che il papa in persona, se avesse la sensazione di non essere più in grado di guidare responsabilmente la Chiesa, credo che allora avrebbe la forza e il coraggio di dire: Non posso più adempiere al mio compito come necessario".

Nell’ottobre successivo il cardinale belga Godfried Danneels aggiunse: "Non sarei sorpreso che il papa si ritirasse dopo il 2000".

Il 16 maggio 2002 fu lo stesso Ratzinger, allora prefetto della congregazione per la dottrina della fede, a non escludere, in caso di peggioramento della sua salute, un ritiro anzitempo di Giovanni Paolo II, in una dichiarazione al "Münchner Kirchenzeitung", il settimanale dell'arcidiocesi di Monaco e Frisinga: "Se il papa vedesse di non poter assolutamente farcela più, allora sicuramente si dimetterebbe".

Nello stesso giorno un concetto simile fu espresso, in un'altra intervista, dal cardinale honduregno Oscar Andres Rodríguez Maradiaga.

Il 7 febbraio 2005 il cardinale segretario di Stato Angelo Sodano, alla domanda dei giornalisti se papa Karol Wojtyla avesse pensato alle dimissioni, rispose: "Questo lasciamolo alla coscienza del papa".

Nell’attuale pontificato le voci di dimissioni papali non sono ancora arrivate ad essere discusse pubblicamente da ecclesiasstici di rango. Ma a livello giornalistico sì. Prima degli ultimi due articoli di Ferrara e di Socci, infatti, ne avevano già scritto lo stesso Socci (su "Libero" del 25 settembre 2011) e il vaticanista Marco Politi in un recente libro molto critico dell’attuale pontificato.

In ogni caso, per chi volesse approfondire le implicazioni canoniche e pratiche derivate dalle dimissioni di un pontefice o quelle riguardanti il caso di un papa impedito nel proseguire la propria missione, sono da tenere presenti due dotti articoli apparsi nel 2000 sul settimanale "America" dei gesuiti di New York.


di Sandro Magister

E' necessario un Login o registrarsi al sito

Aggiungi un Commento:


Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:
  • sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
  • non abbia contenuto razzista o estremista
  • non sia offensivo, calunnioso o diffamante
La redazione con i controlli a campione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy
Titolo: 
Commento:









Il nostro nuovo Eremo
in Spagna