faceBook
Caricamento in corso.... attendere prego ...
10-06-2016
Rosolini 15 anni dopo...Incontro con i due gruppi adolescenti seguiti per anni e oggi formati da uomini e donne adulti. Che gioia!

di fratel Carlo

10-06-2016
Piazza Armerina...fratelli sempre in cammino

di fratel Carlo

09-06-2016
Ritiro di Fraternità all'Eremo san Damiano


28-06-2014
Buona Estate!

di Fratel Carlo

03-03-2013
IL CONCILIO VATICANO II (1962-1965)di Alberto Torresani

di Alberto Torresani

18-02-2013
Riaperta la tomba dei compagni di san Francesco

di San Francesco Patrono di Italia

16-02-2013
Dos nuevos diaconos en la diocesis de Albacete

di La Tribuna de Albacete

01-10-2012
Festeggiare i 50 anni del Concilio, con Carlo Maria Martini nel cuore

di Giacomo Costa

25-09-2012
I FRATELLI DI SAN FRANCESCO DI ASSISI ONLUS:

di fratel Carlo

24-03-2012
LA PRIMAVERA ISLAMICA

di Alberto Torresani

16-03-2012
Dimissioni del papa. La teoria e la pratica

di Sandro Magister

08-02-2012
Cardenal Levada en el simposio sobre abusos a menores: Oir a las víctimas, reconocer el sufrimiento

di Zenit

07-02-2012
Alla Gregoriana si apre il Simposio sugli abusi contro i minori. Intervista con don Di Noto

di Mater

07-02-2012
Jesús nuestro contemporáneo Es el título del evento internacional que tendrá lugar en Roma en los próximos días. Ideado por el cardenal Ruini.

di de Sandro Magister

03-11-2011
Africa. Quella religione che immola i bambini

di Sandro Magister

02-11-2011
África. Esa religión que inmola a los niños

di por Sandro Magister

18-10-2011
Motu proprio con cui si indice l'Anno della Fede

di Vaticano

18-10-2011
BENEDETTO XVI A BERLINO

di Alberto Torresani

18-10-2011
AMBROGIO E AGOSTINO A MILANO

di Alberto Torresani

18-10-2011
Carta Apostólica "Porta fidei" con la que el Papa convoca el "Año de la fe"

di Vaticano

24-09-2011
Benedicto XVI se conmueve al recibir a víctimas de abusos de sacerdotes En el seminario de Erfurt

di news

05-04-2011
“Abbiamo ritrovato la vita!”

di meter

14-02-2011
Nuove chiese. Il Vaticano boccia i vescovi italiani

di Sandro Magister

14-02-2011
Nuevas iglesias. El Vaticano desaprueba a los obispos italianos

di Sandro Magister

12-02-2011
Martirio e speranza nella Chiesa di Cristo

di Alberto Torresani

12-02-2011
ICONOCLASTIA

di Alberto Torresani

12-02-2011
LA RIUNIFICAZIONE ITALIANA E IL PROBLEMA ISTITUZIONALE

di Alberto Torresani

26-01-2011
Benedetto XVI: "Siate persone autentiche" anche nelle reti sociali. Messaggio per la XLV Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.

di Benedetto XVI

26-01-2011
Benedicto XVI: Ser personas autenticas tambien en la red

di Benedicto XVI

14-01-2011
GIOVANNI PAOLO II BEATO IL 1 DI MAGGIO. Pubblichiamo il Decreto di beatificazione

di Città del Vaticano

02-08-2015
Che bella sorpresa ;-)
di PaoloDanei

18-01-2015
A proposito della pratica islamica
di pgmma

25-03-2013
Primo parere sul Concilio
di pgmma

17-12-2011
Il Lusitania
di Belpa

26-09-2011
signore
di antoniodelnome



(290) Africa. Quella religione che immola i bambini
Pubblicato il 03-11-2011 di Sandro Magister
Condividi
«« indice »»

Ad Assisi in forma generale, e ai vescovi dell'Angola con una denuncia diretta, Benedetto XVI ha criticato le religioni tradizionali africane. Che arrivano ad uccidere vecchi e bambini come in una moderna caccia alle streghe 
 

ROMA, 3 novembre 2011 – Il primo personaggio a destra nella foto, accanto al papa, al patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I e al rabbino David Rosen, è il professor Wande Abimbola, nigeriano.
Ad Assisi, al "pellegrinaggio" promosso da Benedetto XVI lo scorso 27 ottobre, Abimbola ha preso la parola "a nome dei capi e dei seguaci delle religioni indigene d'Africa". Lui stesso è sacerdote e rappresentante mondiale della religione Ifa e Yoruba, diffusa in larga parte dell'Africa subsahariana e arrivata anche nelle Americhe sulla rotta delle migrazioni.
Parlando ad Assisi, Abimbola ha chiesto che "alle religioni indigene africane venga dato lo stesso rispetto e considerazione delle altre religioni".
E Benedetto XVI – che quando scrive i discorsi di suo pugno, come in questo caso, non è mai politicamente corretto – l'ha preso in parola.
Nel discorso tenuto poco dopo ai trecento esponenti religiosi e "cercatori della verità", il papa ha espresso considerazioni critiche su tutte le religioni, comprese le religioni tradizionali africane. Le ha accomunate in una storia fatta anche di "ricorso alla violenza in nome della fede": una storia, quindi, bisognosa per tutte di purificazione.
Ma due giorni dopo l'incontro di Assisi, Benedetto XVI è stato ancor più crudo e mirato. Ricevendo in Vaticano i vescovi dell'Angola in visita "ad limina", ha denunciato una violenza che in nome delle tradizioni religiose africane arriva persino ad uccidere bambini ed anziani:
"Uno scoglio nella vostra opera di evangelizzazione è il cuore dei battezzati ancora diviso fra il cristianesimo e le religioni tradizionali africane. Afflitti dai problemi della vita, non esitano a ricorrere a pratiche incompatibili con la sequela di Cristo. Effetto abominevole di ciò è l’emarginazione e persino l’uccisione di bambini ed anziani, a cui sono condannati da falsi dettami di stregoneria. Ricordando che la vita umana è sacra in tutte le sue fasi e situazioni, continuate, cari vescovi, ad alzare la vostra voce a favore delle sue vittime. Ma, trattandosi di un problema regionale, è opportuno uno sforzo congiunto delle comunità ecclesiali provate da questa calamità, cercando di determinare il significato profondo di tali pratiche, d’identificare i rischi pastorali e sociali da esse veicolati e di giungere a un metodo che conduca al loro definitivo sradicamento, con la collaborazione dei governi e della società civile".
Già due anni prima, nel 2009, nel corso del suo viaggio in Angola, Benedetto XVI aveva sollevato la questione:
"Tanti vivono nella paura degli spiriti, dei poteri nefasti da cui si credono minacciati; disorientati, arrivano al punto di condannare bambini della strada e anche i più anziani, perché – dicono – sono stregoni".
E aveva anche respinto un'obiezione corrente nella stessa Chiesa:
"Qualcuno obietta: 'Perché non li lasciamo in pace? Essi hanno la loro verità; e noi, la nostra. Cerchiamo di convivere pacificamente, lasciando ognuno com’è, perché realizzi nel modo migliore la propria autenticità'. Ma, se noi siamo convinti e abbiamo fatto l’esperienza che senza Cristo la vita è incompleta, le manca una realtà – anzi la realtà fondamentale –, dobbiamo essere convinti anche del fatto che non facciamo ingiustizia a nessuno se gli presentiamo Cristo e gli diamo la possibilità di trovare, in questo modo, anche la sua vera autenticità, la gioia di avere trovato la vita. Anzi, dobbiamo farlo, è un obbligo".
Anna Bono, esperta di tradizioni africane, ha commentato sul giornale cattolico on line "La Bussola Quotidiana":
"Ciò che il papa ha denunciato non succede solo in Angola. In Africa la stregoneria è una delle più radicate e persistenti istituzioni tribali. Se ne parla poco, forse anche perché la sua esistenza contraddice la prevalente rappresentazione delle comunità tradizionali africane come modelli di pacifica convivenza, tolleranza, equità e armonia sociale, depositarie di valori umani che l’Occidente avrebbe invece sacrificato al potere e al denaro".
Nello stesso commento, Anna Bono riferisce alcuni casi recenti di uccisioni di bambini per motivi di stregoneria in vari paesi dell'Africa, o di loro mutilazioni "a causa delle proprietà speciali attribuite ai loro organi", come avviene con gli albini.
C'è chi è rimasto stupito per una denuncia così esplicita di tali uccisioni, fatta da Benedetto XVI parlando ai vescovi dell'Angola.
I discorsi del papa ai vescovi in visita "ad limina", infatti, passano sempre al vaglio della diplomazia vaticana, di solito molto prudente.
Questa volta, però, anche il revisore che se ne è più di tutti occupato, in segreteria di Stato, sapeva il fatto suo.
L'arcivescovo Giovanni Angelo Becciu, oggi sostituto segretario di Stato per gli affari generali, cioè numero due del governo centrale della Chiesa subito dopo il cardinale Tarcisio Bertone, era nunzio in Angola quando Benedetto XVI visitò quel paese, con tappa precedente nel Camerun, e sollevò il velo su quell'abominio.
Il 18 novembre prossimo papa Joseph Ratzinger si recherà in Benin per consegnare a una rappresentanza di vescovi del continente l'esortazione apostolica conclusiva del sinodo dei vescovi del 2009, dedicato appunto all'Africa.
Sarà interessante vedere che cosa il documento dirà sulle religioni tradizionali africane.

di Sandro Magister

E' necessario un Login o registrarsi al sito

Aggiungi un Commento:


Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:
  • sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
  • non abbia contenuto razzista o estremista
  • non sia offensivo, calunnioso o diffamante
La redazione con i controlli a campione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy
Titolo: 
Commento:









Il nostro nuovo Eremo
in Spagna